Home Page  >  fiori   >   fiori di marzo  >   fiori spontanei di marzo - Saitta                                                                               sei su www.librizziacolori.eu

 

 Fiori spontanei - marzo, l'inverno

pagina dedicata al dott. Biagio Saitta, che al Coriell Institute, negli Stati Uniti, studia

 le cellule staminali umane per sperimentare nuove forme di terapia

 

fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzofiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzofiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo

fiori spontanei di marzo fiori di marzofiore di asparago di villa boccadileone borsa di pastorecardo fresia di san giuseppe fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzofiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo, fustunacchiufiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzofiori di luppolo fiori spontanei di marzo, agliastrofiori spontanei di marzo, soffione ombelico di venerempiccica fiori spontanei di marzofiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzofiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzofustunacchiu fiori spontanei di marzofiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzofiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzofiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzofiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzofiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo fiori spontanei di marzo

Il prof. dott. Biagio Saitta un ricercatore che si occupa di cellule staminali adulte e precisamente di cellule che sono presenti nel sangue del cordone ombelicale. Queste cellule staminali vengono raccolte e conservate dopo il parto e vengono utilizzate da circa 20 anni per i trapianti nelle malattie del sangue (quali leucemie, linfomi) e in alcune forme di anemia. Il suo laboratorio  ( http://www.coriell.org/science/saitta.html) si occupa di un particolare tipo di cellule staminali (cellule staminali mesenchimali) che sono state scoperte  piu' recentemente e cominciate ad essere studiate negli ultimi 10 anni. Questo tipo di cellule staminali, isolate anche dal midollo osseo, sono state gia' impiegate in alcuni casi di infarto cardiaco, ma, al momento, solo per prove cliniche sperimentali. I primi risultati sembrano incoraggianti e adesso si cerca di capire  come queste cellule possano aiutare il "cuore" a funzionare meglio dopo un attacco cardiaco. Al momento in fase di studio l'impiego di queste cellule in altri tipi di malattie (tipo immunitarie, reumatologiche, muscolari etc...) e sono in corso sperimentazioni in diversi laboratori e centri di trapianto in America, Europa e anche in altre parti del mondo. Nei prossimi 5 anni molti di questi studi verrano conclusi e si spera che possano contribuire notevolmente per l'avanzamento terapeutico in generale. Il prof. Biagio Saitta un Librizzese eccellente.

torna a inizio pagina