Home Page  > indice aggiornamenti > Gatani > Extracomunitari                            sei su www.librizziacolori.eu

 

L'extracomunitario: problema o valore aggiunto?

 

locandina

 

ASSOCIAZIONE "NOVEMAGGIO"

Via Sant'Antonino n.14

98066 Patti (Me)

 

CONVEGNO

 

"L'IMPORTANZA DELLE CONTAMINAZIONI CULTURALI NELLA FORMAZIONE DELL'IDENTITA' NEBROIDEA"

 

Interverranno:

- Alessandro Albana, membro del direttivo dell'Associazione "NoveMaggio"

Introduzione sulle sfide della contaminazione culturale per le entità nazionali e sovranazionali

 

- Prof. Salvatore Bottari, docente di Storia moderna presso l'Università degli Studi di Messina

Migrazione e lavoro sui Nebrodi tra medioevo ed età moderna.

 

- Tindaro Gatani, storico, giornalista e scrittore emigrato in Svizzera

Xenofobia, razzismo, criminalità e immigrazione.

 

27 luglio 2010

ORE 17.30, VILLA COMUNALE UMBERTO I - PATTI (ME)

 

Nei giorni del progetto “Blue Notes nel Borgo”, l’Associazione “NoveMaggio” organizza un importante convegno che ruota intorno al tema dell’importanza delle contaminazioni culturali nella formazione dell’identità pattese e nebroidea, in linea con la tematica principale del festival e gli obiettivi che lo stesso intende perseguire.

 

Com’è noto, storicamente le nostre comunità sono state vittime di innumerevoli dominazioni e, nonostante i soprusi, le vessazioni, i saccheggi che tutti questi popoli hanno compiuto sui nostri territori, è innegabile che ognuno di loro abbia contribuito, nelle più disparate maniere, ad aggiungere uno o più tasselli a quel formidabile, contraddittorio, peculiare mosaico che costituisce il Dna della nostra gente.

Obiettivo del convegno è proprio quello di riportare alla luce, attraverso un excursus storico, tutti quei positivi debiti contratti nei confronti di quelle popolazioni straniere che nel corso dei secoli hanno dominato le nostre terre, con l’intento di riscoprire e promuovere il valore del meticciato, l’importanza delle contaminazioni socioculturali, la bellezza e il fascino dello scambio e della diversità delle razze che popolano il nostro pianeta.

 

Ma l’obiettivo ancor più ambizioso è quello di riuscire a mettere in relazione questa trama storica con una delle tematiche sociali più dibattute dall’opinione pubblica mondiale in questi ultimi anni: il problema dell’immigrazione clandestina.

 

Le immagini di migliaia di profughi abbandonati alla deriva sui tristemente famosi “barconi della morte” hanno fatto il giro del mondo e provocato lo sdegno di tutti; i più fortunati tra loro, quelli che in sostanza sopravvivono a queste disumane traversate, sono spesso gli stessi che giornalmente sostano nelle nostre piazze in attesa che qualcuno gli offra uno straccio di lavoro mal retribuito e senza alcuna garanzia, gli stessi che frequentano le nostre parrocchie e in cui ci battezzano i loro figli, gli stessi che oggi affollano i nostri centri storici divenuti quasi dei ghetti in cui relegare l'emarginato e il diverso.

 

L’intento del convegno vuol essere, dunque, anche quello di aprire dei momenti di riflessione che portino a considerare l’extracomunitario non come un problema di fronte a cui chiudere gli occhi ma un valore aggiunto per la nostra comunità, così come nei secoli passati lo sono stati tanti altri popoli con cui la nostra civiltà è venuta in contatto.

 

La tematica della contaminazione culturale ritorna anche nelle iniziative artistiche, d’inchiesta e nella gastronomia. Sono previsti infatti: un percorso fotografico sul tema dell’immigrazione, un percorso di gastronomia etnica e la realizzazione di un mini-documentario che racconti l’immigrazione a Patti.

(Il testo è tratto dall'invito divulgato dall'Associazione Novemaggio)