Home Page  >  indice aggiornamenti > leccornie > crispeddi                              sei su www.librizziacolori.eu

 

I crispeddi

 

crispeddi dolci

Attrezzatura: casseruola

ingredienti:

- 1 Kg di farina mista (grano tenero e grano duro, in parti più o meno uguali)

- lievito di birra (meglio il lievito naturale, di casa: quello che si usa per fare il pane)

- acqua q.b.

- sale circa 30 gr (la quantità si aggiusta assaggiando l'impasto)

- miele di zagara (d'inverno è necessario riscaldarlo a bagnomaria)

- acciughe salate pulite dalle lische e ben lavate prima con acqua e poi con aceto

- o, in alternativa, uva passa

procedimento

Riscaldare (senza fare bollire) l'acqua e sciogliervi dentro il lievito. Preparare la farina per l'impasto, mescolandola bene e facendo il fonte, in cui versare, gradualmente l'acqua tiepida con il lievito. Impastare con cura, evitando il formarsi di grumi. Aggiungere acqua tiepida fino a rendere l'impasto morbido (senza esagerare: l'impasto deve mantenere una certa consistenza). Mettere il tutto in un contenitore abbastanza grande da contenerlo anche dopo la lievitazione, e coprirlo. Lasciare lievitare per circa un'ora (il tempo dipende anche dalla temperatura ambientale). Quando l'impasto è lievitato appare ben gonfio. Prelevare allora un cucchiaio di impasto, farcirlo con l'uva passa o, in alternativa, con alcuni pezzetti di acciuga salata.

crispeddi con le acciughe

Versare il contenuto del cucchiaio in una casseruola (è necessario un recipiente con il bordo alto) con tanto olio extravergine d'oliva già bollente (cuocere più cucchiaiate di impasto per volta). La crispedda si gonfia e acquista un colore rosato: è il momento di estrarla e di metterla su della carta assorbente per liberarla dall'eccesso di olio. A piacere, passare i crispeddi in miele o zucchero. Alcuni non gradiscono l'accostamento del miele con le acciughe. Altri preferiscono consumarli senza il rivestimento dolce.

(ricetta di Maria Rovereto e Franco Muscarà)