Home Page  > riti  > Pasqua 2008                                                                                                                                         sei su www.librizziacolori.eu

 

 Pasqua 2008 (a Librizzi e a Sinagra)

 

 Domenica delle Palme

domenica delle palme 2008 domenica delle palme 2008domenica delle palme 2008  domenica delle palme 2008 domenica delle palme 2008domenica delle palme 2008 domenica delle palme 2008 domenica delle palme 2008

Il Venerdì di Passione

L'altare della reposizione
l'altare della reposizione nella Chiesa della Madonna della Catena a Librizzi l'altare della reposizione nella Chiesa della Madonna della Catena a Librizzi l'altare della reposizione nella Chiesa di San Michele Arcangelo, alla Matricel'altare della reposizione nella Chiesa di San Michele Arcangelo, alla Matrice, particolare l'altare della reposizione nella Chiesa di San Michele Arcangelo, alla Matriceciborio ligneo della Chieda Madre ciborio ligneo della Chiesa Madre, particolare l'addolorata cristo alla colonnacristo alla colonna cristo in croce ecce homo cristo nel sepolcro

La Passione

il Cristo in Croce l'Addolorata l'Ecce Homo l'Addoloratail Cristo in Croce l'Ecce Homo l'Addolorata la banda un momento della processionela banda la processione in piazza il Cristo in Croce

torna a inizio pagina

Le tradizioni pasquali

a Librizzi: uova a forno e ciambelle con le uova                                                                                                     altri dolci pasquali

ciambella grande con le uova, del forno la spada ciambella con le uova colorate, del forno la spadaciambella pasquale di nuvoletta uova colorate infornate - la colorazione è ottenuta con l'uso di radici di particolari erbe

Sinagra 2008: un convegno sul Percorso della Croce con proiezione di un filmato

Sinagra Sinagra Sinagraun fotogramma del filmato sul Percorso della Croce girato a Palermo un fotogramma del filmato sul Percorso della Croce girato a Palermo e proiettato a Sinagra un momento dell'intervento del prof. Aurelio Rigoli il prof. Aurelio Rigoli l'intervento del prof. Aurelio Rigoli alcuni partecipanti all'incontrol'intervento di Enza Mola, presidente della pro loco di Sinagra il prof. Aurelio Rigoli con Enza Mola l'intervento della prof.ssa Amitranol'intervento della profe.ssa Amitrano la prof.ssa Amitrano la prof.ssa Amitrano

I dolci pasquali di Sinagra

le uova a forno le ciambelle di pane con le uova a fornoil pane infornato con le uova canestrini di pane con le uova a forno panoramica dell'esposizione del pane con le uova

Pasqua a Sinagra: la processione di San Leone

La sera di Pasqua la statua di San Leone, Patrono di Sinagra, rientra in paese dalla chiesetta di campagna. Una fiaccolata, molto suggestiva, accompagna il cammino della statua di San Leone, che attraversa il ponte sul fiume con una spettacolare corsa tra due ali di fuochi pirotecnici per ricordare  la tradizione secondo la quale il Santo passava il fiume per soccorrere ammalati e bisognosi.

La corsa sul ponte rievoca anche il conflitto insorto fra Sinagresi e Catanesi per assicurarsi i servigi del Santo. Si narra, infatti, che i Catanesi reclamavano  San Leone come loro Vescovo ed erano venuti a Sinagra per ottenere che si trasferisse a Catania: il Santo scelse, invece, di restare in paese.

Durante la processione, fino a poco tempo fa, per ricordare l'accaduto,  la statua del Santo faceva due passi in avanti come simbolo della volonta' di rimanere a Sinagra e uno indietro come simbolo della volonta' di non tornare a Catania.

Il Lunedi dell'Angelo si svolge la processione di San Leone e si tiene la fiera tradizionale:  la “Pasquetta”, a Sinagra, si festeggia il giorno successivo, secondo una tradizione rara nei paesi dell'entroterra siciliano . La festa principale del Santo Patrono cade l'otto maggio: dopo la Santa Messa, la statua del Santo viene portata in processione per le vie del paese. Il momento piu' emozionante è certamente quando la statua di San Leone percorre di corsa la discesa di Via Vittorio Veneto accompagnata dalla folla di fedeli. La prima domenica di novembre il simulacro del Santo, dopo la funzione religiosa, viene portato dalla chiesa madre alla chiesa omonima del santo, dove viene custodito fino alla sera della Pasqua. Il 20 febbraio i fedeli in processione portano la reliquia di San Leone nella chiesetta di campagna, dove viene celebrata la Santa Messa.  (Leone II detto il Taumaturgo - Ravenna,  maggio 709 - Catania 20 febbraio 785

torna a inizio pagina