Home Page  >  indice aggiornamenti > storia > Mutuo Soccorso                                  sei su www.librizziacolori.eu

 

SocietÓ Agricola di Mutuo Soccorso di Librizzi

 

pagine dello statuto della societÓ agricola di mutuo soccorso di librizzi - anno 1909pagine dello statuto della societÓ agricola di mutuo soccorso di librizzi - anno 1909

pagine dello statuto della societÓ agricola di mutuo soccorso di librizzi - anno 1909pagine dello statuto della societÓ agricola di mutuo soccorso di librizzi - anno 1909

pagine dello statuto della societÓ agricola di mutuo soccorso di librizzi - anno 1909

L'atto costitutivo della SocietÓ Agricola di Mutuo Soccorso di Librizzi Ŕ depositato l'1 agosto 1909 presso il Notaro Francesco Sesti, residente in Librizzi con studio in Via Piazzetta n. 4, inserito al Consiglio Notarile di Patti. Viene stampato nel 1912 presso la Tipografia Gaetano Paci di Patti.

"I comparenti riuniti in Assemblea generale sotto la presidenza del Cav. Giuseppe Liga di fu Giuseppe, proprietario, nato a Palermo e residente in Oliveri assistito dal Segretario Signor Nunzio Di Blasi di Francesco, impiegato, qui nato e domiciliato di chiarano di costituire per come hanno giÓ da parecchio tempo costituito di fatto in Librizzi, una SocietÓ fra i Coloni e lavoratori della terra e che esercitano un lavoro manuale che sia sussidiario dell'agricoltura, ma che non possa qualificarli artisti o professionisti, denominata: SocietÓ Agricola di Mutuo Soccorso di Librizzi."

Nelle pagine riprodotte sono indicati i nomi di fondatori e soci della detta SocietÓ di M. S.

Articoli estratti dallo Statuto e dal Regolamento della SocietÓ di Mutuo Soccorso di Librizzi

Art. 1

E' costituita in Librizzi una SocietÓ Agricola di Mutuo Soccorso.

Art. 2

La SocietÓ ha per iscopo:

a) di promuovere l'istruzione della classe dei coloni e dei lavoratori della terra.

b) il mutuo soccorso materiale e morale.

c) l'adoperarsi per far conoscere e adottare le migliori colture, le pratiche agrarie convenienti e principalmente di prevenire e reprimere il maltrattamento degli animali.

d) di promuovere l'apertura di magazzini cooperativi.

e) di tutelare i diritti che le leggi e i regolamenti accordano nell'interesse di tutti o di un socio in particolare.

Art. 9

La societÓ avrÓ una bandiera con i colori nazionali, portante una falce, una forbice ed una zappa, nonchŔ il motto L'unione fÓ la forza il tutto in uno scudo al di sotto del quale la scritta: SocietÓ Agricola di Mutuo Soccorso.

Art. 10

Quando la SocietÓ interviene a feste, solennitÓ pubbliche ed in qualsiasi altra sua affermazione sarÓ sempre preceduta dalla bandiera, e l'onore di portarla sarÓ deferito a turno dal Presidente ad uno dei capi sezione...

Regolamento - Cap I - Ammissione dei soci   

Art. 1. - I Coloni e i lavoratori della terra di cui all'art. 8 dello Statuto, che possono far parte della SocietÓ come soci effettivi devono riunire i seguenti requisiti:

a) Aver raggiunto l'etÓ di anni 18 e non oltrepassata quella di 50.

b) Non essere stati condannati per fatti infamanti, furto, frode, appropriazione indebita, falsitÓ di qualsiasi natura e per ubbriachezza, salvo i casi in cui si esibiscano tutti i documenti voluti per la riabilitazione e si abbiano le condizioni necessarie per attuarla:

c) Devono inoltre notoriamente essere conosciuti come cittadini immuni dell'abuso del giuoco, del vino o della taccia di menar la vita in ozio o vagabondaggio o che infine maltrattano gli animali e trascurano la propria famiglia.

d) Non essere colpiti da infermitÓ croniche o da difetto permanente che li renda inabili al lavoro.

Art. 4. - Convalidata l'ammissione di un socio, il Presidente lo farÓ venire nel locale della SocietÓ, gli darÓ lettura degli obblighi imposti dallo Statuto e dal presente regolamento, gli farÓ firmare o crocesegnare secondo i casi la copia dello Statuto e da quel giorno lo farÓ notare nello elenco dei soci, facendo ogni cosa constatare da apposito verbale.

AllorchŔ si respinge una domanda il Presidente informerÓ il richiedente ed a sua richiesta, gli darÓ notizie del motivo generale che ha determinato la deliberazione.

 

 

Art. 5. - Ogni socio effettivo paga una tassa di ammissione nella misura seguente:

                   Dai 18 ai 30 anni L. 2.

                      "    30 "  40    "    "   2,50.

                      "    40 "  50    "    "   3.

I figli celibi dei soci morti, che vogliono far parte della SocietÓ pagheranno una tassa d'ingresso di L. 1,50.

 

Cap. II. - diritti e doveri dei soci

Art. 6. Ogni Socio ha diritto ad essere istruito, protetto e difeso dalla SocietÓ.

 

Art. 7. Tutti i soci prometteranno sul loro onore di menar sempre vita onorosa, sobria ed onesta e di osservare scupolosamente lo statuto, il regolamento e le deliberazioni del Consiglio Direttivo e delle assemblee; di non ricorrere per sussidi alla Cassa Sociale senza una estrema necessitÓ; di serbare coi consoci i pi¨ leali rapporti di paterna relazione. Infine di vegliare sulla educazione ed istruzione dei propri figli.

I soci hanno il dovere di frequentare spesso il locale della SocietÓ e possibilmente tutte le domeniche; d'intervenire alle riunioni dell'Assemblea sotto la comminatoria di centesimi cinquanta di multa pei soci assenti che a mezzo del loro Capo Sezione non faranno nel giorno della riunione conoscere i motivi fondati della loro assenza.

 

Art. 8. I soci quando insorgano tra essi questioni di interesse, sono tenuti di sottometterle al Consiglio il quale comporrÓ, da amichevole compositore, le insorte questioni, alla cui risoluzione dovranno sottostare i soci, sotto pena di essere cancellati dall'Associazione.

Del mutuo soccorso

Art. 12. - I soci tutti hanno diritto alla assistenza gratuita del medico e delle medicine e all'assistenza personale.

 

Art. 13. - Tale disposizione ha vigore appena lo attivo della societÓ raggiunge la somma di lire cinquecento.

 

Art. 14. - E' negato ogni soccorso o sussidio a quei soci che saranno affetti da malattia proveniente dalla ubbriachezza, dal mal costume o per ferite riportate in rissa, nella quale siano stati aggressori, per cui in ogni caso dovrÓ il capo Sezione giustificare la malattia del socio, e potrÓ, in caso di ricorsi, il Consiglio ordinare una inchiesta per la accertazione.

 

Art. 16. - Il socio che dopo sei mesi dalla sua iscrizione si trovi nel caso previsto dai precedenti articoli, se Ŕ assolutamente inabile al lavoro per pi¨ di due giorni, ha diritto, a cominciare dal terzo giorno al sussidio quotidiano di centesimi cinquanta per tre mesi, trascorsi i quali, continuando la malattia, il  Consiglio stabilirÓ il sussidio secondo le finanze della SocietÓ.

 

Art. 17. - Il socio ammalato il quale intende avere il Soccorso dalla SocietÓ, ne darÓ avviso al Capo della Sezione, il quale visiterÓ immediatamente l'ammalato e dietro certificato del medico, che curerÓ di avvisare immantinente, riferirÓ al Presidente della SocietÓ, il quale riconosciuta l'urgenza, spedirÓ mandato di pagamento a favore dell'infermo a datare da quel giorno, informandone alla prima adunanza il Cnosiglio.

 

Art. 18. - Il Capo della Sezione nella quale dimora l'infermo, curerÓ che almeno ogni due giorni uno dei soci della Sezione visiti lo ammalato.

Se l'infermo abbisogna, per grave malattia, di un'assistenza personale, anche durante la notte, I Capo della Sezione ne interesserÓ il Consiglio che si raduna e designerÓ quei soci che dovranno giornalmente assistere l'infermo. Il socio che si ricusa senza giusti motivi sarÓ per la prima volta ammonito dal Presidente della SocietÓ in una adunanza dell'Assemblea; in caso di recidiva sarÓ espluso dalla SocietÓ.

Art. 19. - Quando lo stato economico della SocietÓ lo permette, il Consiglio pu˛ deliberare sussidi speciali a favore delle vedove o degli orfani bisognosi dei soci, che fecero parte della SocietÓ per 10 anni consecutivi.

Art. 20. - Nel caso di provata inabilitÓ permanente al lavoro per vecchiezza  malattia incurabile, i soci hanno dritto ad un sussidio semestrale che sarÓ inseguito determinato, purchŔ siano stati istritti nella SocietÓ per 10 anni compiuti e consecutivi.

Vanno esclusi gli inabili al lavoro per disgrazie causate da intemperanza o da accidente facilmente prevedibile e che perci˛ potranno essere scongiurati.

Art. 21. - In caso di morte di un socio la famiglia ha diritto al sussidio di L. 30, oltre alla spesa funeraria a quale non potrÓ eccedere le L. 30.

Art. 22. - La salma sarÓ accompagnata da tutti i soci, i quali hanno l'obbligo d'intervenire al Corteo sottostando alla multa di L. 2 in caso di non intervento, non giustificato a mezzo del Capo Sezione. Il Corteo sarÓ sempre preceduto dal Corpo Musicale a spese della societÓ e cioŔ fintantochŔ esiste in questo corpo musicale.

CAP. VII - Disposizioni finali e transitorie

Art. 57. - Ogni anno tutti i soci celebreranno una festa commemorativa della istituzione della SocietÓ nella seconda domenica di Maggio. Il Consiglio Direttivo avrÓ cura di stabilire i particolari della festa e di annunziarli 8 giorni prima ai soci.

 

Art. 58. - Saranno aperte delle scuole serali settimanali per l'istruzione di quei soci che vogliono avvalersene.

...

Il Segretario                                                       Il Presidente

                                                N. DI BLASI                                                           G. LIGA            

Nastasi, Cottone Rosario, Giuttari Michele, Adamo Giuseppe Capizzi Nunzio, Gatani Francesco, Giancola Antonino, Priolo Fuso Antonino, Furnari Antonino, Pizzino Cono, Pericone Antonino, Adamo Michele, Silvio Tindaro, Truglio Paolo, Cardinale Paolo, Gaglio Antonio, Saitta Carmelo, Danzi Pietro, Cavallaro Antonino, Costantino Antonino Antonino Di Blasi, teste, Finocchiaro Antonino, teste - Francesco Sesti - Notaro.  

soci effettivi societÓ agricola di mutuo soccorso soci effettivi della societÓ agricola di mutuo soccorso di librizzi

Si Ŕ cercato di riprodurre  fedelmente i testi, compresi gli errori. Ringrazio il sig. Patrizio Lisi per la documentazione messa a disposizione. Copia del testo integrale dello Statuto e del Regolamento Ŕ reperibile presso la Biblioteca Comunale di Librizzi.