Home Page  >  indice generale  >  storia   >   Frane, fumarole...                                                    sei su www.librizziacolori.eu

 

Frane, fumarole... studiare per prevenire le disgrazie invece che spargere sale contro il malocchio!

 

smottamenti a Palmentazzo

Librizzi: localitÓ Palmentazzo vista dal frantoio Ruffo a Lucianello, 15 novembre 2009

movimenti franosi a nasidi nel 1985

Nel 1985 Librizzi, dopo giorni e giorni di incessanti piogge,  fu interessato da diversi e significativi smottamenti. Anche la Frazione Nasidi subý danni importanti: successivamente, furono effettuate importanti opere di consolidamento e convogliamento delle acque. Nella foto a sinistra, la casa di Tindaro Gatani con le pareti sfondate.

 

Nel XIX secolo varie frane devastarono Librizzi Centro

librizzi Centro, nell'area compreso tra la Chiesa Madre, Piazza Catena e il Quartiere Forgia fu interessato da devastanti smottamenti nel XIX secolo

Nell'Ottocento si registrarono diversi smottamenti che danneggiarono Librizzi Centro, distruggendo anche l'antica Chiesa della Madonna della Catena, che sorgeva in un'area adiacente all'attuale sede municipale, lato valle. Le frane interessarono tutta l'area compresa tra la Matrice, Piazza Catena e Quartiere Forgia. Vi furono numerosi morti. Di questi eventi si pu˛ leggere anche in un blog americano.

A febbraio del 1931 per dodici giorni e dodici notte ininterrottamente piovve.

a Passo Schiavo fu registrato un vasto movimento franoso nel 1931

Nel 1931ci furono vasti movimenti franosi. Uno di essi interess˛ la zona di Passo Schiavo.

Nella foto un particolare di quell'area, con evidenti ancora i segni dello smottamento. Nella parte alta si nota la strada per Acquapalumbo.

Qui non ci furono morti, ma furono distrutti tutti i lotti comunali.

Pantano, febbraio 1931. Una storia vera.

"Anche in quella casa io andavo alla ricerca della cucina nera e calda, dove stagavano i profumi del pranzo concluso e della cena da preparare, dov pullulavano bimbetti e bimbette, dove le donne, giovani e anziane, in circolo attorno alla fiamma del focolare, si raccontavano storie di fantasime, di indemoniati, di malocchi, di incantesimi, di źmajarii╗ (magie), di figli scambiati, o rubati dagli zingari. L'interesse e la curiositÓ mi attiravano in mezzo a loro, l'ansia e il terrore mi respingevano. Per attraversare le camere mi aggrappavo alle vesti o alla mano di qualche servetta, perchÚ nella grande sala centrale, vuota e silenziosa, dove quattro travi ciclopiche sorreggevano il piano superiore, vedevo emergere, fra bagliori gialli di zolfo, streghe sghignazzanti e animali mostruosi.

 

Fu su quella casa che la morte precipit˛ digrignando i denti, strappando, spezzando, travolgendo, polverizzando: il boato sinistro della frana, che in un piovoso febbraio rotol˛ dalla vetta di una montagna, aveva sorpreso Biagio e il figlio davanti al portone centrale. Tutto il personale era in giro. Intuito il pericolo estremo, presago della fine, il vecchio signore aveva incitato il figlio a correre il pi¨ lontano possibile e si era slanciato all'interno, nella grande sala centrale, nel vano tentativo di salvare anche la moglie.

 

L'aveva trovata smarrita e l'aveva convulsamente abbracciata quando ormai l'enorme massa di terriccio, fango, tronchi divelti e sassi investiva la casa, travolgeva in un solo colpo le travi maestre, si gonfiava sormontando il tetto e sbriciolando tutto: poi slargava il suo fangoso mantello nell'abbraccio mortale.

 

Sulle rovine, implacabili, continu˛ a cadere la pioggia. Si scav˛ per giorni, sotto gli occhi di una piccola folla muta e dei due figli impietriti dal dolore: li ritrovarono l'una nelle braccia dell'altro, gli occhi, la bocca, le mani piene di terra."

 

(il brano Ŕ tratto da Lydia Risica, Pane di casa, ila palma)  

la casa di localitÓ pantano investita dallo smottamento del 1931 la casa di localitÓ pantano investita dallo smottamento del 1931la casa di localitÓ pantano investita dallo smottamento del 1931 la casa di localitÓ pantano investita dallo smottamento del 1931la casa di localitÓ pantano investita dallo smottamento del 1931 la casa di localitÓ pantano investita dallo smottamento del 1931

nelle foto sopra, localitÓ Pantano: la casa investita dalla frana raccontata dalla prof.ssa Lydia Risica in Pane di casa

montesaraceni

Sempre nel 1931 un altro importante smottamento ci fu sulle pendici del Monte dei Saraceni.

lo smottamento di cavallazzo

Negli anni Ottanta del secolo scorso fran˛ una vasta area in localitÓ Cavallazzo, verso il Torrente Ronco. In veritÓ, in questa area vi sono stati numerosi smottamenti anche nell'Ottocento.

I pi¨ importanti eventi franosi del XX secolo sono stati nel 1985, e negli anni '90.

in localitÓ Terre Rosse, sulla strada per MarurÓ, si ricordano le fumarole

In localitÓ Terre Rosse, sulla strada San Pancrazio - Ronco MarurÓ gli anziani ricordano le fumarole.

Le acque delle captazioni a Lucianello hanno una temperatura superiore alla media delle altre sorgive.

pagina in aggiornamento

Le frane storiche a Librizzi Centro

CRINO' S. (1921), nella pubblicazione "Distribuzione geografica delle frane in Sicilia", riferisce di un evento franoso, avvenuto nel 1800 sul versante ovest del centro abitato di Librizzi, che ha causato gravi danni agli edifici civili. Altri eventi franosi sono avvenuti nei periodi invernali degli anni 1850, 1865 e 1890: i danni maggiori si sono avuti  in localitÓ Cavallazzo, Fontanella e sulle abitazioni sottostanti il Quartiere Forgia. In conseguenza di questi eventi Librizzi Ŕ stato inserito tra i comuni sottoposti a vincolo idrogeologico e tra i comuni di cui Ŕ disposto il consolidamento. Le informazioni sopra riportate e il particolare della carta sono tratte dal Piano Stralcio di Bacino per l'Assetto Idrogeologico della Regione Siciliana. La data dell'inverno 1850 indicata per un evento franoso viene corretto (o integrato con riferimento ad altro grave evento) da una ricerca condotta sui certificati di morte dell'anno 1852 che il 27 e 28 gennaio registrano numerosi morti per le frane. Molti morirono tra le ore 10:00 e le ore 12:00 del 27 gennaio. Tale ricerca Ŕ stata condotta negli U.S.A. e se ne pu˛ leggere un sommario resoconto collegandosi al blog dell'autrice della ricerca: riferisce anche che nel mese di dicembre dello stesso anno 1852 ci furono violenti piogge che causarono la morte per soffocamento di Minicuzzo, cioÚ don Domenico Procopio, che nel 1826 aveva sposato donna Anna Cilona. Negli ultimi anni sono state effettuate varie opere di consolidamento e di convogliamento acque sul territorio di Librizzi. Ma era da un po' che non pioveva con l'abbondanza degli ultimi tempi.